Le schede del Corno
 
Manlio Bonati, 26 dicembre 2005
Il conte Luigi Pennazzi(nato all’Avana il 5 febbraio 1838, morto a Madrid il 22 ottobre 1895), discendente da famiglia originaria del Ducato di Parma, girò mezzo mondo. Giovanissimo attraversava le Ande.
Prese parte, dal 1862 al 1871, a quattro campagne garibaldine. Nel 1878 combatté per l’indipendenza della Grecia. Viaggiò nel 1880 l’Africa Orientale con l’amico Giuseppe Bessone, percorrendo un itinerario notevole da Massaua a Cassala e oltre il fiume Gash fino a Ghedareff e a Abu Haraz sul Nilo Azzurro, che seguì fino a Khartum, alla confluenza con il Nilo Bianco.
Descrisse l’esplorazione in un’opera in due volumi intitolata Dal Po ai due Nili, edita dai Fratelli Treves nel 1882 e più volte ristampata. Più tardi Pennazzi percorse con Guglielmo Godio la valle del Gash fino a Matemma, facendo ritorno a Massaua per la via di Keren. Pochi viaggiatori conobbero meglio del Pennazzi i due itinerari da Suakin a Massaua, convergenti Cassala. Fu professore alla Scuola Militare di Modena.
Due dei suoi cinque figli, ufficiali del nostro esercito coloniale, morirono ad Agordat il 21 dicembre 1893 (Lincoln Gualtiero Pennazzi, nato a S. Secondo Parmense il 17 settembre 1865; Medaglia d’Argento al Valor Militare alla memoria) e ad Adua il 1° marzo 1896 (Garibaldi Gino Pennazzi nato a S. Secondo Parmense il 21 gennaio 1863; Medaglia d’Argento al Valor Militare alla memoria).
Pennazzi pubblicò altri due importanti libri: La Grecia moderna, ricordi del conte L. P. Comandante gli insorti Epiroti nel 1878, Milano, Fratelli Treves, 1879 e Sudan e Abissinia, cit. Suoi articoli apparvero in prestigiose testate.

Cfr. Cosimo Bertacchi, Un esploratore italiano dell’Africa Orientale nel secolo passato: il conte Luigi Pennazzi (1838-1895), in La Rassegna Italiana, Roma, novembre 1930, pp. 481-484;
Giovanni Corradi e Giuseppe Sitti, Glorie Parmensi nella conquista dell’Impero, Parma, Officina Grafica Fresching, 1937, pp. 57-58, 89-90;
AnnaMaria Ferrari, Africa attrazione fatale, in Almanacco Parmigiano 1992-1993, Parma, PPS, 1992, pp. 165-170;
Roberto Lasagni, Dizionario Biografico dei Parmigiani, volume III, Parma, PPS, 1999, pp. 864-866;
Massimo Zaccaria, Il viaggio imperfetto. La spedizione Godio-Pennazzi nel Sudan Orientale (1882-1883), in Miscellanea di storia delle esplorazioni, vol. XXIII, Genova, Bozzi Editore, pp. 295-312 e Le avventure africane di un conte piacentino, in Studi piacentini, Piacenza, n° 24-25, 1998/1999, pp. 47-76;
Gino Scala, Orme parmigiane in Africa, in La presenza italiana in Africa 1870-1943, a cura di Manlio Bonati, cit., pp. 33-36 (lo studio completo di Scala va da p. 33 a p. 66 ed è stato ristampato nel nostro sito).

MB  
 
index
        

© 2004 Il Corno d’Africa

Tutti i diritti letterari e fotografici riservati