Nel 1880 erano trascorsi già alcuni anni da quando il giovane Jean Arthur Rimbaud aveva smesso di scrivere, ormai la vena poetica dei tempi di Une saison en enfer si era per sempre inaridita. Rimbaud era un ribelle che si sentiva oppresso a Charleville, dove era nato il 20 ottobre 1854, e a Roche, dove Madame Vitalie Rimbaud, la madre, possedeva una fattoria. Fu proprio a causa della repressiva madre che si dette giovanissimo, nel 1870, a condurre una vita irregolare con fughe da casa e avventure pericolose (la Comune di Parigi).

Leggi l’articolo di Manlio Bonati qui: https://www.ilcornodafrica.it/pca-ar.htm

Articolo scritto il 2 settembre 2004