Etiopia magica

 

GLOSSARIO

Alberto Vascon

 

a = amarico; ar = arabo; af = afar; c = cafficciò; g = ghez; i = italiano; om = omotico; or = oromo; t = tigrino;  tu = turco; e = inglese

 

 

abbàt

a

  padre, priore

Abbebè

a

  Fiorì

abeba

a

  fiore

Abissinia

    nome assegnato dagli europei alla regione dell'Etiopia abitata dagli amara e dai tigrini
 

Abrahà

a

  Illuminò

abudò

 

t

 

  abitazione rotonda fatta di pali di legno, paglia e fango

abùn, abuna

 

a,t

 

  "padre nostro", titolo del metropolita, vescovo

addai

t

  rametto della lunghezza di circa 12 cm e dello spessore di 1 cm di salvadora persica, diffuso in tutto il Corno ed utilizzato per la pulizia dei denti
   
   

addaràsc

a

  salone dei banchetti

addìs, haddìsc

a,t

  nuovo

Adi Caièh

t

  Paese rosso

af

a,t

  bocca

Afeuòrc, Afeuorchì

a,t

  Bocca d'oro

afèr

a

  terra

aghèr, haghèr

a,t

  terra, nel senso di patria

ale

af

  monte

alga

a

  letto

algauoràsc

a

  erede di letto, principe ereditario

Almàz

a

  Diamante

amba, 'mba

a,t

  monte

Ammetè

a,t

  Ancella

anbassà, anbessà

a,t

  leone

Araià

t

  Il primo seme

arbate insessà

g

  i quattro animali dell'Apocalisse, simbolo dei quattro evangelisti

Areggà

a,t

  Ha calmato

argudì

t

  calastrus senegalensis

ascarì

t

  militare di truppa eritreo, da una parola turca che indicava i soldati indigeni
   

asmàcc

a

  comandante di piccola unità

Assafà

a

  Ha esteso

atsiè

a,t

  imperatore

auarà

a

  polvere

azàgg

a

  comandante

Baatà

 

g

 

  Entrata di Maria nel Tempio di Gerusalemme, si festeggia il 12 dicembre e il 3 di ogni mese etiopico
   

bagirònd

a

  tesoriere reale, falegname

bahàr

ar

  mare, grande fiume

bahr, baharì

a,t

  mare, grande lago

Bahr Dar

a

  Riva del lago

balambaràs

a,t

  capo di un'amba, di un forte, titolo onorifico

bandar

ar

  colonia commerciale

barahà

a,t

  luogo desertico, selvaggio

baria

a,t

  schiavo, negro

Bariau

a

  Schiavo di Lui (di Dio)

bashi-bazuk, bashi-bozuk

e,tu

  lett. testa vuota, truppe irregolari turche

Belletè

a

  Il migliore

ber

a

  porta

berberè

 

a,t

 

  pepe, peperoncino, miscela di peperoncino con varie spezie

bièt

a,t

  casa

bietecristiàn

a

  casa dei cristiani, chiesa

bietelehèm

a

  casa del pane, sacrestia

birr

 

a

 

  argento, tallero, oggi è il nome della moneta etiopica

bituoddèd

a

  consigliere del re

blattenghietà

a

  consigliere

boccollò

a

  granoturco

Brhanè, Berhè

a,t

  Luce

Brhanù

a,t

  Luce di lui

bulla

 

or

 

  farina. La bulla della musa ensete si usa per fare un semolino.

buluk-basci

tu

  sergente

bun, bunna

ar,a

  caffé

burgutta

 

t

 

  pane da viaggio cotto senza lievito attorno ad un sasso rovente

cabarò, coborò

a,t

  tamburo da cerimonia

caberò

a

  volpe

cagnazmàcc

a

  comandante dell'ala destra

cai, caièh

a,t

  rosso

cantiba

a,t

  sindaco

Cassa, Cahassai

a,t

  Indennizzo

Chebbedè

a

  Ha peso

cheddìst

 

a

 

  corridoio intermedio della chiesa abissina riservato alla comunione

chella, kella

om

  porta di sbarramento alla frontiera degli antichi regni oromo del Gimma
   

cheràr

a,t

  strumento musicale a cinque o sei corde a forma di lira

Chidané

t

  Mio vestito

Chidàne Mehrèt

a,g

  è il Patto di Misericordia fra la Madonna e Gesù per la salvezza dei peccatori.
   

chitèt, battere il chitèt

a

  suonare i tamburi da guerra (negarìt) per arruolare i soldati

ciai

i

  deformazione fonetica dell'arabo sciai, tè

cicca

a

  fango. Le case di cicca sono costruite con un'intelaiatura di tronchi e rami sulla quale viene steso un fango composto di sterco, argilla e paglia
   
   

cicca

a

  capo villaggio

cocciò

c

  musa ensete o falso banano, chiamato ensete dagli amara, cocciò dai caffini e cobba dagli oromo
   

colla, qolla

a

  zona calda, bassopiano

copto

    prima della conquista araba dell'Egitto gli egiziani parlavano greco e si chiamavano aiguptioi, in arabo qibt, occidentalizzato in copto. Copto significa egiziano, oggi indica la minoranza cristiana dell'Egitto    http://www.britannica.com/
 
 
 

dabbo

a

  pane

dagna

a

  giudice

dar

a

  costa, riva

das

t

  tenta fatta di pali e frasche

debìr, debra, debrì

a,t

  colle, monastero

debterà

 

 

 

 

a

 

 

 

 

  letterato, dal greco difzhra (santuario). I debterà sono preti sconsacrati per aver commesso peccati gravi o per essersi sposati. Molti sono considerati stregoni e ciarlatani
debùb a   sud
degà a   altopiano, luogo freddo
deggiàcc, deggiazmàcc a    comandante (azmàcc) della porta (degg), titolo militare corrispondente a generale, governatore di provincia
   
Destà a   Felicità
diavulèt i   diavoletto, deformazione fonetica dell'arabo ià ualèd, ehi ragazzo
dildì, dildìl a   ponte
Dinghìl a   Vergine
dura a   sorgo
ecceghiè g   assistente al trono imperiale. Il titolo è assunto dall'abate del monastero di Debra Libanòs, che è il capo supremo dei monaci d'Etiopia; nella corte sedeva alla destra dell'imperatore.
   
   
ela af   pozzo

Emmebietaccìn

 

a

 

  Madre della nostra casa (riferito alla Madonna)

enqutatàsc

a

  giunchi augurali di capodanno, distribuiti dalle bambine l'11 di settembre
   

fantasia

 

 

i

 

 

  danza, deformazione fonetica di fantasià, giubilo, dal verbo amarico fanattesè, giubilare

faràngi

    termine amarico che significa europeo, da Franchi, popolazione che ha dato il nome alla Francia. Sulla costa del Mar Rosso si parla arabo e si dice frèngi, sull'altopiano tigrino si dice ferengì.
 
 

ferès

a

  cavallo

Fethà Neghèst

 

a,g

 

  Legge dei Re, codice ecclesiatico e civile dell'Abissinia
filohà a   sorgente di acqua calda, geyser
fingiàl ar   tazzina per il caffé
fitaurari a   comandante della prima linea
frintata t   frittata
Gabrè, Ghebrè, Ghebrai a,t   Servo
Ghebremedìn t   Servo del Salvatore
ganièn g   diavolo
Garimà g   Meraviglioso
gasciè a   mio scudo, titolo di rispetto verso un superiore
gebenà a,t   caffettiera
ghebbì a   recinto, palazzo imperiale
ghebeia a   mercato
Ghebrè Mascàl a,t   Servo della Croce
gheddàm a   monastero
ghennèt a   giardino, paradiso
ghietà a   signore
ghietòcc a   signore, plurale di cortesia
Ghion a,g   il fiume dell'Eden che circonda il paese di Kush, Nilo Azzurro
Ghirma a   Maestà
gobèz a   giovane forte
Gobeziè a   Giovane
gombò t   otre di terracotta della misura di 10 litri per acqua o talla
grazmàcc a   comandante dell'ala sinistra
gueità g   forma antica per indicare il re, nell'uso comune significa signore
gueitana g   mio signore
habtàm a   ricco
Habtù a   Ricchezza di lui
Hagòs t   Contento
haik a   lago
Hailè Sellasiè a   Forza della Trinità
hora or   lago
hudmò t   abitazione tigrina in pietra
ingera, 'ngera a,t   piadina di teff
inderassiè a   rappresentante
iteghiè a   imperatrice
Lemma a   E' prospero
lettè t   figlia
Lettemascàl t   Figlia della croce
Libne Dinghìl a   Vergine è il mio cuore, nome di uno dei più grandi imperatori d'Etiopia, sepolto a Debra Damo (1540)
   
ligg a   figlio, ragazzo
lul a   principe, perla
Mai Belà g   fiumiciattolo che nasce ad Asmara. Il nome significa "chiese dell'acqua", che Macheddà, la regina di Saba, chiese quando partorì Menelik 1°. Verso il bassopiano prende il nome di Anseba
   
   
mabràt a   luce
macheddà a   cuscino
Macheddà a   nome etiopico della regina di Saba
mahber a,t   associazione
malca a   guado
Mangascià a   Inizio
mascàl a,t   croce
matèb a   cordicella che si mette sul collo
mecdès a   sezione centrale della chiesa abissina, di solito di forma quadrata, nella quale viene conservato il tabòt.
   
medebbèr a,t   magazzino
Medhanie Alem a,g   Salvatore del mondo
mehrèt a,g   misericordia
melità t   brucea simarubacea
memhèr a   maestro
menfès qeddùs a   spirito santo
menghìst a   governo
Menghistù a   Governo di lui
mesfìn a   duca
meslenié a   capo distretto
miafisismo     dottrina che riconosce in Cristo una natura composita di umanità e di divinità. Il termine deriva dalla formula di Cirillo di Alessandria μία φύσις τοà qeoà Λόγοu σεσαρκωμένη: "una natura del  Dio logos incarnata". San Cirillo è uno dei Padri della Chiesa cattolica.
 
 
 
minch a   sorgente
mogogò t    
monofisismo     dottrina di Eutiche, monaco di Costantinopoli, che afferma che in Cristo sussiste solo la natura divina.
   
muntàz

t

  caporalmaggiore degli ascari eritrei
naìb

a

  era il titolo del vicario del vescovo della Nubia
nefàs

a

  vento
neggadiè

a

  commerciante
neggadràs

a

  capo dei commercianti
neghìst

a

  regina
negùs

a

  re
negùsa neghèst

a

  re dei re. In tigrino si dice negùs negghestì.
qascì

t

  prete sposato
qeddùs

a

  santo
qeniè mahlèt

a

  poesia di lode, corridoio esterno della chiesa abissina riservato ai debterà e al canto degli inni sacri.
   
qolla

a

  regione calda, bassopiano
qubaià

t

  dall'arabo qubaia, bicchiere di lamiera smaltata con decorazioni floreali usato per il tè
   
ras

a,t

  capo, testa, titolo onorifico simile a duca
rest, restì

a,t

  feudo, terreno
Sahle Mariam

a

  Misericordia di Maria, nome di battesimo di Menelik II
Saitàn

g

  Satana
sciai

a,ar,t

 
sciamma

a

  mantello bianco di cotone che serve per proteggersi dal freddo. Un tempo serviva anche per proteggere il naso dall'odore degli europei.
   
   
scianchilla

a

  schiavo, negro, dal nome dei Beni Sciangùl
scifta

a

  disertore, dal verbo sceffetè, assume spesso il significato di brigante.
   
scirò

a,t

  farina di ceci, fave e piselli
scium

a

  capo distretto
sciumbasci

tu

  maresciallo
sellasiè

a

  trinità
semièn

a

  nord
senbetè aihùd

a

  sabato giudaico, introdotto in Etiopia dai seguaci dell'abuna Eustazio, fondatore del monastero di Debra Bizèn
   
senbetè cristiàn

a

  sabato cristiano, domenica
suà

t

  birra locale
suq a   negozio
suq ar   mercato
surma

c

  negro
Tafarì

a

  E' temuto
Tahaitù, Tsahaitù

a

  Il sole di lui (f)
Tasammà

a

  E' ascoltato
teccerìa

i

  deformazione fonetica dell'amarico tegg bièt, casa del tegg, locale dove si vende il tegg
   
Teclè Haimanòt

a

  Pianta della fede
teff, tieff

a,t

  eragrostis teff, cereale dell'Etiopia, ricco di elementi essenziali
tegg

a

  idromele
terara

a

  monte
Tesfai

t

  Speranza
teuahdò

g

  divenuto uno, è la denominazione ufficiale della chiesa ortodossa d'Etiopia
   
Tigrai     regione dell'Etiopia settentrionale con capitale Macallè
tom, tsom

a

  digiuno
tor

a

  lancia
torinnèt

a

  battaglia, guerra
tor serauìt

a

  esercito
tota

a

  bertuccia
Tsaddìk a   Giusto
tsahài a   sole
tucùl t   capanna di paglia con tetto a cono
uarca a   sicomoro
uohà a   acqua, fiume
uoizerò a   signora
uonz a   fiume
uoràsc a   erede
uorq, uorqì a,t   oro
Uorqnesc a   Sei oro (f)
Uoldeab t   Figlio del Padre
uòt a   spezzatino di carne piccante
zabagnà a   guardia
zaptiè t   carabiniere eritreo
zar, ghinnì, gin a,t,ar   spiriti maligni
Zaudè a   Corona
zenàb, zenàm a   pioggia
Zennebèch a   Ha piovuto (f)
zer a   seme
Zera Iacòb a,g   Seme di Giacobbe
Zerè a   Il seme
zeriba

ar

  recinzione spinosa a protezione degli animali
zighnì, zighinì

t

  spezzatino di carne piccante
       
AV

index

Copyright
 
All photographs and articles on this web site remain
the copyright of their respective authors.
 
 

Etiopia magica